Teutonici

Con imprevisto coraggio e forza ci accingiamo a dirigerci in quel di Berlino. Al termine di una giornata da infarto, con la squadra del cuore che se ne va in B e la nazionale in finale. Pare che le bastonate facciano bene a un gruppo di uomini da sempre additati quali viziati e fighetti. Beh, io sono andato a letto con in mente le lacrime dell’amato Rino al fischio finale. Ripenso a quelle immagini e per un giorno sono orgoglioso della mia Italia e di chi la rappresenta. Domani, come diceva Reth Butler, è un altro giorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *