Particolare e comprovata idiozia

C’è una ragazza neozelandese che lavora qui all’università. Sta sostituendo la nostra segretaria che è in maternità, e le è stato fatto un contratto temporaneo. Siccome è molto brava ed in questo periodo c’è molto lavoro le volevamo estendere il contratto per un altro anno.
Ma c’è un articolo della finanziaria del 2008 che lo impedisce: l’art. 97 (correzione: si tratta dell’art. 3, comma 76), quello che dovrebbe contrastare l’abuso dei contratti atipici, stabilisce che le pubbliche amministrazioni possono fare contratti solo a persone in possesso di comprovata specializzazione universitaria. Che secondo un parere del dipartimento della funzione pubblica vuol dire “in possesso di laurea specialistica o titolo equivalente”

Che significa questo?

  • Che se avete una laurea triennale non potete avere un contratto a tempo determinato (correzione: un contratto di lavoro autonomo o un co.co.co.) con le pubbliche amministrazioni nenache come come segretari, telefonisti o portieri
  • Che le persone in possesso di titoli stranieri devono ottenere l'”equipollenza”, che significa spendere mesi senza poter essere sicuri dell’esito

Le università non potranno neanche più impiegare gli studenti per fare dei lavoretti di ricerca.
La nostra amica sta preparando le valige per tornare in Nuova Zelanda (perché intanto ci sono anche le leggi sull’immigrazione, che ve le raccomando), scuote la testa e dice: “ma questo è impossibile”.
Ma noi lo sappiamo che nulla è impossibile per il legislatore italiano. E mentre sgombera la scrivania non abbiamo neanche il coraggio di guardarla negli occhi.

0 pensieri su “Particolare e comprovata idiozia”

  1. Avete ragione cari miei, questa finanziaria è veramente penosa.
    Lavoro a 5 anni nella pubblica amministrazione con contratti CO.CO.CO., e vi assicuro che lavoro molto di più degli impiegati fissi e non lo faccio solo per obbligo, ma perchè mi piace.Io lavoro perchè amo ciò che faccio. bè ora cari miei grazie a Prodi e alla Sua corte di idioti molte persone saranno costrette a perdere il loro posto di lavoro perchè non avranno una “comprovata specializzazione universitaria …”
    E chi possiede altri titoli cosa si fa??? Si cestinano??? la mia esperienza di anni di lavoro che a mio avviso vale molto di più di mille lauree prese dove la mettiam???. Ci sono persone plurilaureate che non sanno vivere, hanno la loro mente ristretta al loro bagaglio culturale.
    Mi farebbe cosa molto gradita se qualcuno potesse revisionare questa finanziaria… Grazie infinite.

    Mario

  2. Rimane la possibilità di fare contratti a tempo determinato per un periodo non superiore a tre mesi…E’ una cosa folle, secondo me frutto di incompetenza del dipartiemnto delle funzione pubblica. Tra l’altro, trattandosi di un’interpretazione, potrebbe anche cambiare.
    Bisognerebbe coinvolgere dei professori universitari e spiegare al dipartimento i danni causati da quell’interpretazione.
    Se vuoi contattami pure all’indirizzo federussoATinterfree.it

  3. Ciao,
    aono anche io una vittima di questo nuovo articolo della finanziaria, e come me ci sono altre persone.
    Ho vinto un bando emesso dalla mia Università per un contratto occasionale per un progetto commissionato all’università. Io sono iscritto al primo anno di laurea specialistica in inforamtica e secondo l’articolo il mio bando non è piu valido.
    Ora mi chiedo a che servono queste lauree brevi se poi non ci danno la possibilità di lavorare???
    Come facciamo a crearci quel bagaglio di esperienza pratica che è diventato un requisito fondamentale per l’assunzione sia pubblica che privata?
    Adesso stavo cercando di capire quanta informazione c’è su questo argomento e ho trovato il tuo post. Ho intenzione di protestare magari con una petizione, che ne dici?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *