My two cents

Se credete che la politica moderna costi troppo digitate quattro parole su google: George-Washington-Whiskey-Elections.

La politica è sempre costata cara, perché il whiskey, si sa, non l’hanno mai regalato.

In questi giorni abbiamo avuto delle notizie sconvolgenti sul tesoriere della Margherita e su quello della Lega Nord. Il malaffare non ha colore politico, ma si nutre dei contributi pubblici che vengono dati ai partiti sotto le mentite spoglie di rimborsi elettorali. Noi che facciamo politica, noi che militiamo in un partito, dovremmo stare attenti a dire che “non ci bastano i soldi”. Dovremmo contare fino a cento a dire che ce ne servono più. Perché prima dobbiamo rispondere con chiarezza a delle domande: quanti contributi prendiamo? Dove li abbiamo spesi? Come abbiamo finanziato la nostra campagna elettorale?

I soldi gestiti in modo poco trasparente, quelli dei partiti come quelli delle mille fondazioni politiche che prendono soldi senza dover dire da chi, sevono solo a consolidare le cordate di potere che tengono fermo questo paese. Da troppo tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *