La fine dell’eccezione iberica

Le elezioni in Spagna, con quelle portoghesi di ottobre, mettono fine all’eccezione iberica; oggi in tutti i principali paesi del Sud dell’Europa la crisi dei partiti principali è conclamata. Socialisti e popolari insieme raccolgono soltanto metà delle preferenze, sfidati da ben due nuovi partiti (Podemos e Ciudadanos) che cavalcano l’insoddisfazione per la politica tradizionale. Anche in Spagna, come già in Italia, Grecia e Portogallo, l’esito delle elezioni crea grosse difficoltà per formare il governo. Per avere la maggioranza nel Congreso de los Diputados il governo deve controllare 176 seggi: l’unica coalizione di due partiti che supera questa soglia sarebbe quella tra PP e PSOE, esclusa dal leader dei socialisti. Anche uno scenario alla portoghese, tutti contro il governo passato, è reso difficile dal fatto che Podemos e Ciudadanos sono divisi sull’asse destra-sinistra, e si dichiarano inconciliabili.
Cosa sta succedendo alla politica sud europea? Una prima risposta si legge nell’andamento asfittico dell’economia, che drena consensi ai partiti di governo. Dallo scoppio della crisi l’indice di disoccupazione, che è molto correlato con l’insoddisfazione per lo stato dell’economia, si è impennato in tutta l’area. Ed è ancora lontanissimo dai livelli pre-crisi, soprattutto in Spagna e Grecia.

21_12_2015

Ma una lettura più attenta rivela che c’è dell’altro. In tempi normali quando l’economia va male ad essere favoriti sono i principali partiti di opposizione, cosa che oggi non succede più. La nuova frammentazione politica deriva dalla nascita di una nuova dimensione di conflitto rilevante, che superficialmente potremmo chiamare vecchio/nuovo, ma che ha a che vedere in dosi variabili con l’opposizione verso la classe politica e l’integrazione europea, ritenute responsabili della crisi. La scelta non è più soltanto tra ricette di destra e ricette di sinistra: stiamo assistendo a un riallineamento dell’offerta politica che accade assai raramente nelle democrazie consolidate, e il cui esito avrà conseguenze sul futuro dell’intero progetto europeo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *