La favola delle riforme istituzionali

Lunedì ho partecipato a un bell’incontro organizzato da Paolo Fontanelli e dai GD di Pisa sul conflitto di interessi. Ospiti erano Roberto Zaccaria e Andrea Pertici.

Tutti sono parsi convinti che risolvere il conflitto di interessi sia necessario prima di fare le riforme istituzionali, che sono una delle più grandi urgenze del paese.

Nessuno spera che sia possibile fare una riforma seria del conflitto di interessi insieme a Berlusconi.

Molti hanno sottolineato che comunqe un parlamento eletto con il Porcellum è scarsamente legittimato a mettere mano alla Costituzione.

Se ne dovrebbe dedurre che:

  1. questo governo non deve e comunque non sarà in grado fare le riforme istituzionali;
  2. questo governo deve fare il poco che può per il governo dell’economia, e magari non mettere i bastoni tra le ruote mentre il parlamento cambia la legge elettorale;
  3. poi, questo governo avrà esaurito la sua funzione.

Tutto il resto è fuffa per tirare a campare.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *