Il mondo è fatto a scale

Il musicista romeno all’angolo della piazza solleva lo sguardo dal piattino delle elemosine: «Io e il mio socio restiamo qui a suonare soltanto fino alle sei di sera. Poi questo posto diventa impossibile: troppi extracomunitari!».

Massimo Gramellini su LaStampa.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *