Il consiglio provinciale per gli stabilizzandi UNIPI

Oggi il consiglio provinciale ha preso posizione su una delle questioni più dibatutte a livello cittadino.
All’unanimità abbiamo chiesto all’ateneo pisano di rispettare l’accordo conciliativo stipulato presso la direzione provinciale del lavoro a Luglio del 2009 e di assumere entro il 31/12/2010 gli 89 tecnici che si era impegnata a stabilizzare.
E’ una posizione molto forte, che abbiamo deciso di prendere dopo una lunga discussione.
Per ottenere il voto di tutti i gruppi consiliari, con lo scopo di essere più utili alla causa dagli stabilizzandi, abbiamo accolto alcune modifiche alla bozza che avevo preparato. Vi segnalo il testo approvato, che infatti riporta anche le firme di Andrea Corti (PRC) e Giuseppe Gambini (PDL) che hanno contributo con proprie integrazioni alla versione finale.

mozione stabilizzandi

In estrema sintesi affermiamo il principio secondo il quale, pur tenendo conto degli ingenti tagli che colpiscono il fondo di finanziamento ordinario dell’ateneo pisano ed esprimendo preoccupazione per lo stato dell’università, un ente pubblico non debba venire meno ai patti che ha stipulato. Soprattutto quando si parla di lavoro, e soprattuto quando si parla di lavoro precario prestato per anni ed anni dopo la vittoria di vari concorsi pubblici.

Ci sarebbe molto altro da dire adesso.
Ma l’unica cosa importante per il momento è augurarsi che la vicenda si risolva positivamente.
Per il resto c’è tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *