I pazzi siete voi

Samuele tira in ballo una nostra conversazione sulla necessità di fare le primarie, soprattutto con questa legge elettorale. Ne sono convinto perché, detto brutalmente, i parlamentari rispondono a chi ce li mette. Ora ce li mettono i vertici dei partiti, spartendo i posti disponibili tra le varie fazioni interne (quando va bene) o assegnandoli a nani e ballerine di loro piacimento. In ogni caso, il parlamento è scelto da quattro gatti in modo non trasparente. Questo ha conseguenze nefaste sul funzionamento della nostra democrazia. Sono talmente evidenti che mi viene un sospetto: chi non lo capisce ha interesse a non capirlo.

Pensate all’impossibilità per il PDL di scaricare Berlusconi, quando era ormai evidente che la sua presenza fosse di ostacolo a qualsiasi tentativo di salvare l’Italia. Credete che parlamentari meno dipendenti dalla figura del capo sarebbero stati ugualmente irresponsabili?

Eppure l’assenza di legittimazione non puramente verticistica ha anche una conseguenza più subdola, perché toglie fiducia all’istituzione centrale di una democrazia rappresentativa, il parlamento. Pensate alla nascita del governo Monti; tutti a dire, giornalisti compresi, che si trattasse di una “temporanea sospensione della democrazia”. Ogni volta che lo sento mi vengono i brividi.  Il parlamento non gli ha dato un’ampia fiducia? E il parlamento non è stato investito della fiducia degli elettori al momento del voto? Cosa è che non torna allora?

Il problema è che nel 2008 abbiamo scelto soltanto dei partiti, ma nessuno di noi ha dato la sua fiducia a degli individui. La rappresentanza politica funziona quando miscela saggiamente scelta partitica e scelta personale: il quadro politico può cambiare, ma se abbiamo dato fiducia a una persona possiamo sempre chiamarla e chiedergli conto delle sue scelte. Oggi chi è il vostro parlamentare? Solo poche centinaia di persone possono rispondere a questa domanda.

Credo che la debolezza del parlamento ci sia costata diversi punti di spread in questa crisi: sicuri che in questa storia i pazzi siano proprio i fautori delle primarie?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *