Governo spagnolo, non è solo questione di addizioni

Gli inglesi lo chiamano hung parliament, con un’espressione idiomatica che non ha facili traduzioni. Potremmo dire che è un parlamento in bilico, anche se la tentazione di pensare a un parlamento “impiccato” fa di tanto in tanto capolino anche nelle vignette anglosassoni. L’espressione designa un parlamento senza una chiara maggioranza, come quello spagnolo dopo le ultime elezioni, dove è difficile immaginare come farà a nascere un governo. Per capirci qualcosa di più, andando oltre alle schermaglie tattiche adottate dagli stessi partiti spagnoli nel dopo voto, bisogna guardare a tre cose: le regole di investitura del governo, i numeri del congresso, le teorie sulla nascita dei governi di coalizione.

Il parlamento spagnolo (Las Cortes Generales) è bicamerale, ma a differenza di quanto accade in Italia il governo ha una rapporto di fiducia solo con la camera bassa, il Congreso de los Diputados. Dal secondo scrutinio il voto avviene a maggioranza semplice: tra chi vota, i sì devono essere più dei no. L’astensione è irrilevante, e può essere usata dai partiti che non vogliono tollerare la nascita di un governo di minoranza pur senza appoggiarlo esplicitamente.

23_12_2015I numeri dei partiti principali sono sintetizzati nel grafico: la maggioranza si ottiene con 176 voti, ma come dicevamo possono nascere anche governi di minoranza grazie all’astensione benevola di alcun partiti. Allo stato attuale le teorie sulla formazione dei governi sono poco soddisfacenti: in condizioni normali prevedono la nascita di governi che non includano partiti superflui (coalizione minima vincente), che minimizzino il numero di seggi della maggioranza (minima dimensione) o che, pur cercando di escludere i partiti superflui, includano tutti i partiti adiacenti sull’asse destra-sinistra (minima vincente connessa). Escludendo i partiti regionalisti, rimangono le coalizioni che elenco in tabella. Quella tra PSOE, C’S e PODEMOS soddisfa tutti e tre i requisti. Gli assunti su cui si reggono queste previsioni sono eccessivamente semplificati, e in genere non hanno gran valore predittivo: ma se così fosse il PP avrebbe poche possibilità di rimanere al governo.

Coalizione

Seggi

Minima vincente

Minima vincente connessa

Minima dimensione

PP-PSOE

213

no

no

PP-C’S-PODEMOS

232

no

no

PP-C’S-PSOE

253

no

no

PP-PSOE-PODEMOS

282

no

no

no

PSOE-C’S-PODEMOS

199

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *