Giustizialisti da osteria

Le intercettazioni calcistiche che sono state pubblicate mi hanno fatto vergognare. Non di essere un mezzo tifoso Juventino ma della nostra indifferenza verso le ingiustizie e dello spirito partigiano che ci pervade.Per esempio Paolo Luti su LeftWing si lancia in una appassionata ma pretestuosa difesa di Moggi, che in realtà sarebbe un articolo contro i giustizialisti da bar sport. Va bene il garantismo, va bene la cautela, va bene, certo: ma vogliamo o no che sia fatta giustizia? Vogliamo che qualcuno accerti se ci sono state irregolarità anche ne campionato? Vogliamo vedere se la Juventus si merita qualche sonora punizione sportiva? Sembrare scafatissimi ad ogni porcheria è uno dei capi evergreen dell’abbigliamento italiano di classe, ma vogliamo capire che è il nostro più grande limite?
I tifosi della curva juventina si sono limitati a rispondere con dei cartelli: “La Triade non si tocca” o “Guariniello pezzo di m….”. E’ un riflesso condizionato. Non fanno lo stesso i sostenitori di un qualsivoglia partito italiano? Se pure il loro leader fosse condannato per un qualsiasi reato nessuno gli chiederebbe conto: basterebbe rispondere “giudici corrotti”.
Il folle periodo di Mani Pulite è stato diverso, ma è durato poco: oggi purtroppo, siamo ancora più scafati. E chi vuole giustizia è chiamato “giustizialista”.

0 pensieri su “Giustizialisti da osteria”

  1. La cosa più comica caro oste lo sai quale sarà? Che nel giro di poco sbucherà un bel Michael Moore nostrano che ci servirà un bel documentario complottistico-calcistico…ho notato leggendo diverse testate che molti riescono a sbizzarrirsi con la fantasia più con il caso Moggi che con la politica…La più bella di tutte (sul blog di Severgnini) era del tipo: “guarda caso hanno tolto dalle palle Berlusconi (non vorrai mica non far comparire il Caimano anche in questo ‘affaire’…) e viene fuori tutto il marciume…”…
    Ad ogni modo, benché la mia fiducia nella giustizia (anche sportiva) nei confronti dei “potenti” sia piuttosto scarsa credo che, essendo il pallone l’attività più seguita in Italia,si dovrà pur giungere ad un verdetto nel giro di breve tempo, altrimenti immagino già una ricca spirale di violenze e proteste negli stadi scaturita da tutto questo bel minestrone…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *