Fratelli

Centocinquanta. Centocinquante vite perse. Centocinquanta uomini e donne. Nomi, storie, affetti, intelligenze: centocinquanta persone. In fuga dalla morte.

Recuperati 150 corpi al largo della Tunisia ci sono donne e bambini. L’Onu: tragedia – Corriere della Sera

MILANO – Circa 150 cadaveri sono stati recuperati a seguito del naufragio di una nave che si è rovesciata al largo delle coste tunisine, mentre era carica di migranti in fuga dal conflitto in Libia. Si tratta con tutta probabilità dello stesso natante andato a picco giovedì al largo dell’isola di Kerkennah e sul quale l’Autorità portuale tunisina aveva lanciato l’allarme. Le ricerche sono anc0ra in corso e il bilancio è provvisorio. I dispersi sono ancora 200, ma secondo fonti della stessa Croce Rossa in mare si troverebbero ancora numerosi corpi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *