Ascoltare gli elettori

Lettera numero 1, sulle primarie milanesi

Ho riflettuto un po’ sugli avvenimenti di questi giorni e sono veramente avvilito.. il partito democratico(?) continua la sua lotta per mantenere il controllo e continua a perdere…
Invece di lamentarsi dei risultati delle primarie potrebbero pensare che se perdono in casa forse è perchè il loro elettorato non è tanto moderato come pensano… continuano a dire che non possono andare troppo a sinistra perchè perderebbero i moderati, ma così facendo stanno perdendo tutti. Chi sono i moderati di cui parlano? quelli che voterebbero rutelli casini o fini? che li lasciassero andare, non sono loro i disillusi, siamo noi che abbiamo ancora a cuore la sinistra, che vogliamo uno stato più giusto, che pensiamo al futuro di tutti e non soltato al nostro presente.
Ma tutti i neomaggiorenni che non sanno da che parte sono girati come pensano che potrebbero votarli se loro stessi non sanno bene quale sia la loro identità di partito?
Ora che hanno una risorsa enorme come la capacità comunicativa di Vendola che fanno? non la sfruttano anzi… gli remano contro e si inchiodano alle sedie. Invece di dire che chiunque vincerà avrà l’appoggio del PD perchè scelto non da segreterie ma dal popolo (parola non più di sinistra sembra…) piangono e chiedono le dimissioni dei dirigenti lombardi, e per quale motivo scusa? Perchè stanno facendo male il loro lavoro? quello per cui sono stati eletti? No perchè non hanno sponsorizzato bene i candidati del PD….
La cosa davvero di sinistra de dovrebbero fare è stare zitti…

Lettera numero 2, dopo l’invito a Schifani alla festa PD di Torino

…dammi una motivazione valida per votare di nuovo pd dopo aver invitato Schifani a Torino.
Perchè? Perchè complicarsi la vita con le proprie mani in un momento dove la maggioranza è una tigre di carta?

Perchè questa posizione timida e defilata nei confronti del peggior governo “degli ultimi 150 anni”?

Perchè avete smesso,sempre che abbiate iniziato, a parlare con le persone di programmi per risollevare il nostro paese?

Perchè il Pd era nato con un progetto,una modalità democratica e belle speranze per giovani che avevano bisogno di credere che la politica potesse svincolarsi da giochi di potere condotti da vecchi e obsoleti scacchisti e invece vi siete persi, prima, e nascosti adesso?

Il pdl è nato in mezza giornata senza un programma , senza idee, senza legalità, senza teste pensanti(ma con teste di cazzo),con una struttura della quale si conosceva solo il vertice; adesso è spaccato, diviso, si fanno la guerra tra vicini di banco,il boss vacilla …ma voi, che invece avete speso(perso?) tempo a costruire un partio, continuate ad aspettare cosa non si sa, impallidite e vi viene la febbre solo al pensiero di elezioni e segnate continui autogoal contro una squadra che gioca in 3 persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *