Andare a farsi un giro

Questa settimana vado a Bruxelles, per accompagnare alcuni studenti ad un programma di visite nelle istituzioni europee.

Strano momento per visitare la capitale del Belgio, mentre quel paese è in campagna elettorale e vede a rischio la sua stessa sopravvivenza, mentre l’Unione Europea, che qua ha la sua capitale morale, scricchiola sotto il peso della sua mancata unità politica. Come se fosse una casa già abitata ma a cui manca ancora un pilastro, nel mezzo di un terremoto.

Ed in Italia che si fa? Si taglia il bilancio strozzandogli enti locali, a cui toccherà prosciugare un welfare già boccheggiante, diminuire i servizi di trasporto pubblico, forse tagliare la sanità. Ed in cambio di tutto questo zero riforme.

Nella speranza di rassicurare i mercati, dicono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *