Ancora sulle divisioni

Vorrei continuare a riflettere su quanto l’Italia sia davvero un paese diviso, che al di là delle notiziucole di questi giorni mi sembra il tema centrale per capire l’Italia di oggi e la sua politica.
mi sembra che si stiano delineando due risposte, una abbastanza ottimistica (vedi il post precedente) e una decisamente pessimistica.

Un paio di giorni fa D’Alema, intervistato dal Corriere della Sera, avanzava una tesi abbastanza simile a quella dell’oste: la polarizzazione non sarebbe tanto nella società ma nella classe politica. Ne consegue che questa divisione è, almeno in linea di principio, eliminabile.

Ieri è uscito un articolo di Scalfari che avanza una tesi opposta: il paese è davvero diviso e la materia del contendere non è una delle solite fratture sociali che hanno animato la politica dello scorso secolo. La divisione è tra chi si fida e chi non si fida dello stato.

…metà dell´Italia e forse anche più non si fida dello Stato. Quella è la vera questione di questo paese: non è la questione settentrionale e neppure quella meridionale, ma è la questione dello Stato. Gli italiani non se ne fidano.
Invece gli inglesi sì, i francesi sì, gli scandinavi sì, i tedeschi sì e anche gli olandesi, anche i belgi, anche gli austriaci. Del loro Stato si fidano. «My country». In Gran Bretagna, che è il paese più liberale del mondo, i cittadini si chiamano sudditi tanto è il rispetto che hanno del loro Stato.
Di quale nazionalità sei? Ti rispondono: Sono suddito inglese. Con orgoglio. Nello stesso modo, con lo steso orgoglio, un francese ti risponde che è cittadino francese.
Da noi non si usa, perché siamo stati per secoli colonia.
Vice-reame. Principato tributario dell´Impero. Oppure del re di Francia.
Oppure del re di Spagna. Oppure pedina e base della flotta inglese. Oppure il Papa, ma quella è un´altra faccenda ancora più complicata.
Lo Stato è il protagonista negativo della nostra storia nazionale. Lui ti vuole fregare e tu lo devi fregare.
Cercherai di ottenerne qualche favore, piccolo o grande che sia, ma non ti impegnerai mai con lui, ti impegnerai con chi cercherà di farti avere quel favore e tu apparterrai a lui. Farai parte della sua clientela. Innalzerai la sua bandiera. Non per scelta politica ma per fedeltà alla persona.
Eventualmente mascherata da ideologia.

Eugenio Scalfari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *